Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, ma non utilizza alcun cookie di profilazione.
Per prestare il consenso all’uso dei cookies cliccare su “OK”.

  • Fuori Posto - Festival di Teatri al limite (Ed. 2014)
  • Area Agio - Yo Migro
  • Sporting United
  • Laboratorio teatrale "A tutta scena"
  • Centro sportivo comunale "Pegaso"
  • Progetto "Gioco a calcio e cresco"
  • Fuori Posto - Festival di Teatri al limite (Ed. 2014)
  • Scolarizzazione Rom
  • Laboratorio teatrale "A tutta scena"
  • Progetto "Gioco a calcio e cresco"
  • Street Work
  • Laboratorio autonomia
  • Fuori Posto - Festival di Teatri al limite (Ed. 2013)
  • Centro diurno "Antonio Palomba"
  • Social Street Art

Suggerimenti e reclami

Tutti i modi per sporgere reclamo o proporre suggerimenti.
Scarica il modulo

Servizio civile 2017

Logo Servizio civile Selezioniamo 3 volontari da inserire nel progetto "Una vita buona"
Scarica la locandina

5 X MILLE

Anche quest'anno puoi destinare il 5 per mille della tua IRPEF a sostegno delle attività della nostra Cooperativa. Leggi tutto...

“Gioco a Calcio e Cresco!!

Peer Education e Calcio Educativo

img

 "Gioco a calcio e cresco!" è un  progetto finanziato dalla Chiesa Evangelica Valdese con il Fondo Otto per Mille, realizzato da gennaio a dicembre 2010, che ha coinvolto 22 minori Rom, dai 9 ai 16 anni, provenienti dai campi Rom di Via Salviati e Gordiani del Comune di Roma.
L'obiettivo principale del progetto è stato quello di offrire ai giovani rom un tempo dedicato ad attività ludico sportive strutturate, che abbiano contestualmente una finalità educativa e sociale.
Nella maggior parte dei casi, il bambino rom si trova a saltare l’adolescenza, passaggio cruciale dell’evoluzione personale e, a causa delle proprie condizioni di vita, venga catapultato verso un età adulta a cui non è assolutamente pronto. Se da una parte la scuola è senz'altro il luogo in cui il giovane rom  può trovare le giuste coordinate per orientare il proprio percorso di futuro adulto, dall'altra emerge fortemente l'esigenza di favorire un contesto extra scolastico che lo sostenga nel reperimento di quelle risorse “sociali” che difficilmente possono essere trovate nell'ambiente familiare.

Le attività realizzate hanno usato il calcio come strumento educativo, funzionale all’integrazione e all’emancipazione,  per dar vita ad esperienze di partecipazione, socializzazione ed integrazione. I minori rom nello stare insieme all’interno di un percorso prettamente sportivo, hanno potuto sperimentare la possibilità non solo di giocare, ma di costruire un’esperienza collettiva, uno scopo comune, la possibilità di darsi regole condivise.
Giocare ha significato imparare a stare insieme, gestire e migliorare il rapporto con se stessi e soprattutto con gli altri, interiorizzando l’importanza del confronto leale e del rispetto reciproco.

Il progetto ha rappresentato il prosieguo ideale dell'esperienza della squadra dei CD-Rom, nata e cresciuta nel territorio del Municipio V, all'interno del Progetto Street Work finanziato dal Municipio V. Un’esperienza sportiva che ha visto protagonisti un gruppo di giovani Rom, organizzati in una squadra di calcio (i

CD-Rom), che li ha portati a confrontarsi con i giovani provenienti dalle scuole e dai territori di una serie di periferie romane e non solo.