Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, ma non utilizza alcun cookie di profilazione.
Per prestare il consenso all’uso dei cookies cliccare su “OK”.

  • Fuori Posto - Festival di Teatri al limite (Ed. 2014)
  • Area Agio - Yo Migro
  • Sporting United
  • Laboratorio teatrale "A tutta scena"
  • Centro sportivo comunale "Pegaso"
  • Progetto "Gioco a calcio e cresco"
  • Fuori Posto - Festival di Teatri al limite (Ed. 2014)
  • Scolarizzazione Rom
  • Laboratorio teatrale "A tutta scena"
  • Progetto "Gioco a calcio e cresco"
  • Street Work
  • Laboratorio autonomia
  • Fuori Posto - Festival di Teatri al limite (Ed. 2013)
  • Centro diurno "Antonio Palomba"
  • Social Street Art

Carta Servizi

L'edizione 2017/18 della Carta servizi: uno strumento pratico e di facile lettura per conoscere i nostri servizi e le nostre attività.

Suggerimenti e reclami

Tutti i modi per sporgere reclamo o proporre suggerimenti.
Scarica il modulo

5 X MILLE

Anche quest'anno puoi destinare il 5 per mille della tua IRPEF a sostegno delle attività della nostra Cooperativa. Leggi tutto...

Sogni e conflitti

Mediazione sociale e sicurezza urbana partecipata per una città (che) si-cura
di Carocci Leonardo - Antolini Antonio

sogni_conflittiEditore:  EGA-Edizioni Gruppo Abele
Genere:  scienze sociali
Collana:  Studi e ricerche
ISBN: 8876706534
ISBN-13: 9788876706530
Data pubbl.: 2007

La mediazione sociale non è interpretabile come un insieme di tecniche per risolvere specifici conflitti, ma come un approccio adatto all'individuazione e a una lettura condivisa degli stessi. Un progetto di mediazione sociale, pertanto, ha una funzione generativa: attivare un processo sociale in grado di agire nei contesti locali al fine di ricomporre dal basso, aggregare e favorire tra i cittadini la ricerca di una gestione creativa e non violenta dei conflitti.

Il progetto "Mediazione sociale" - presentato in questo volume - lavorando nel trasformare la domanda di sicurezza in una di partecipazione e di mutuo aiuto nella gestione delle criticità locali, mette in evidenza quanta ricchezza di risorse e potenzialità inespresse i cittadini della cosiddetta periferia o "quartieri in crisi" siano disposti a mettere in gioco quando si creano nei territori le condizioni per una partecipazione basata su regole condivise, progettazione condivisa e soprattutto legami di fiducia.

Lavorare sui fattori protettivi, tenendo sullo sfondo quello di rischio, vuol dire alimentare coesione sociale e maggiore senso di appartenenza ai luoghi abitati dalle relazioni e alla cura di esse.
Ciò contribuisce a ridimensionare il senso di insicurezza e la paura, a favore di processi inclusivi e di una migliore qualità della vita sociale.